Orari ambulatorio

Lunedi
8.00 - 13.00 | 14.00 - 21.00
Martedi
-- | 13.00 - 21.00
Mercoledi
8.00 - 12.00 | 14.00 - 20.00
Giovedi
8.00 - 13.00 | --
Venerdi
-- | 14.00 - 21.00
Sabato
9.00 - 13.00 | 14.00 - 18.00

Prenota una visita

035.801152
347.7230953 (per urgenze)
dentista bergamo dr. marchesi brembate

Esistono alcuni accorgimenti specifici per prendersi cura dei denti e mantenerli in salute. Ecco alcuni consigli per una corretta igiene orale e per la salute dei vostri denti.

Utilizzare lo spazzolino almeno due volte al giorno con una tecnica adeguata (Bass modificato): il movimento corretto da eseguire parte dalla gengiva verso il dente, ai bambini si dice “dal rosa verso il bianco”. Questo significa che i denti non devono entrare in contatto durante lo spazzolamento e che nell’arcata superiore il movimento è dall’alto verso il basso, mentre nella inferiore è l’opposto, dal basso verso l’alto. Lo spazzolino va posizionato con un'inclinazione di 45° rispetto alla gengiva. Parte delle setole devono essere poggiate sulla gengiva, parte sul dente: in questo modo si rimuovono anche i batteri che si trovano nel solco tra dente e gengiva. E' molto importante usare la tecnica di spazzolamento corretta, perché altrimenti si rischia di causare danni sia ai denti che alle gengive. Devono essere spazzolate tutte le superfici esterne di tutti i denti (masticanti e interne). L’ideale è utilizzare uno spazzolino morbido, di nylon e a punte arrotondate, che va cambiato quando le setole cominciano a piegarsi (ogni 2-3 mesi al massimo). Lo spazzolino elettrico ha una funzione aggiuntiva solo se avete difficoltà a tenere ben puliti i denti, altrimenti si possono ottenere analoghi risultati con lo spazzolamento manuale. Per quanto riguarda il dentifricio, l’importante è che contenga fluoro. Vale la pena citare i nuovi dentifrici con il fluoro amminico.

L’ideale sarebbe abituarsi ad utilizzare il filo interdentale, oppure lo scovolino tutte le volte che si mangia. Gli spazi interdentali infatti sono quelli a più di rischio di carie e di problemi gengivali. E’ indifferente l’utilizzo di un filo interdentale non cerato o cerato per la pulizia degli spazi tra i denti, mentre sotto i ponti è possibile usare uno speciale filo chiamato Superfloss.  Con un filo di lunghezza adeguata (30 cm) il filo va inserito tra due denti, facendolo scivolare fino alla gengiva. Appoggiato il filo ad uno dei due denti, va strofinato due o tre volte dalla base alla parte masticante del dente, asportando così la patina superficiale. Questa operazione va eseguita in tutti gli spazi interdentali di entrambe le arcate. Si deve pulire anche la superficie dietro all'ultimo dente. Lo scovolino interdentale si utilizza negli spazi interdentali ampi. Esiste in diverse misure, si deve scegliere quella che più si adatta agli spazi interdentali.

E' fondamentale eseguire una pulizia professionale adeguata all'interno dello studio dentistico almeno due volte l’anno. L’odontoiatra svolge un ruolo molto importante nel mantenimento della salute della bocca: insegna ad usare correttamente filo interdentale e spazzolino e, nel corso della seduta di igiene dentale, rimuove i depositi di placca e tartaro che difficilmente si eliminano individualmente. Ideale sarebbe concordare alla fine di ogni appuntamento la data di quello successivo.

Se necessario, utilizzare collutori o compresse al fluoro. Il fluoro rinforza i denti in via di sviluppo nei bambini ma è utile anche per gli adulti: infatti contrasta la formazione di placca batterica e remineralizza i denti, ostacolando la formazione di carie e facendo regredire le lesioni cariose in fase iniziale. Sarà l’odontoiatra stesso a consigliare al paziente una più mirata terapia con il fluoro. Inoltre è possibile eseguire in studio, in pazienti con elevato rischio di carie, applicazioni di vernici al fluoro o antibatteriche. Queste sono la prevenzione migliore allo sviluppo di lesioni cariose. Infine i collutori disinfettanti alla clorexidina esistono in commercio in due formulazioni, differenti per la concentrazione del principio attivo. Non si devono effettuare sciacqui per più di due settimane, a meno che non sia stato specificamente prescritto.

Le abitudini e stili di vita sono importanti quanto lo spazzolamento giornaliero nell’evoluzione di una lesione cariosa. Dopo 24 ore diventa difficile rimuovere la placca batterica, è perciò fondamentale lavarsi i denti quanto meno una volta al giorno. Molto importante inoltre è evitare di mangiare fuori pasto, specialmente cibi dolci. Infatti, nella progressione della carie, sono molto più importanti il numero delle volte in cui una persona assume zuccheri nel giorno (anche in dosi minime) piuttosto che la dose giornaliera assunta. Se si è impossibilitati a pulire i denti, è possibile utilizzare una gomma da masticare senza zucchero in modo da facilitare l’autodetersione della saliva.

Utilizzare paradenti (protettori dentali per gli sport di contatto). Sono apparecchi di plastica, costruite su misura per proteggere i denti, specie quelli anteriori, di tutti coloro che praticano sport di contatto.

In ultima istanza è importante tenere pulita anche la lingua, spazzolandola delicatamente con lo spazzolino su tutta la superficie. Ciò diminuisce la quantità di batteri e aiuta a combattere l'alitosi.